social media

Social Media: come pubblicare?

 

La visibilità dei post organici sui social media: su Facebook

 

Da un’ esame dei trend di mercato emerge una crescente riduzione della visibilità dei post organici, visibilità regolata dall’ algoritmo di Facebook, che gestisce ciò che viene mostrato nel news feed personalizzato degli utenti.

Da una serie di ricerche di fonti autorevoli di settore e studi si nota come già dal 2012 sia emersa una riduzione continua della reach organica che continua tutt’oggi come si vede nelle chart seguenti (ricerca di Ogilvy).

Su 10.000 fan di una ipotetica pagina, ci si potrebbe aspettare che solo 650 di loro vedano la notizia nel feed news.

 

organic trend Facebook

average post organic Facebook

 

 

Nel 2016 l’algoritmo di Facebook si è modificato ulteriormente: SocialFlow ha analizzato oltre 3.000 post di editori su Facebook e ha rilevato che la copertura organica è scesa del 42% tra gennaio e maggio 2016.

Nel 2016, Facebook ha regolato nuovamente l’algoritmo del feed di notizie, per dare maggiore priorità ai contenuti di amici e familiari rispetto a quelli delle pagine seguite, secondo Hubspot.

 

social flow Facebook

 

 

 

 

 

 

 

organic trend Facebook

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

comments trend brands Facebook

Come si vede dai grafici i valori sono declinati ulteriormente e tale tendenza è continua.

    •        Tra l’altro più è grande la fan base, più cresce il rischio di abbassare l’engagement rate della pagina, soprattutto se la profilazione dei fan non è stata, nel tempo, molto accurata.
    •        In sostanza la percentuale dei fan della pagina raggiunti dai post è minima, soprattutto se la pagina vive esclusivamente di traffico organico, senza sponsorizzazioni.

L’algoritmo di Facebook (Edgerank) tende a non mostrare i contenuti a chi non interagisce con la pagina per lungo tempo.

 

Cosa considera l’algoritmo di Facebook nel mostrarci un post nel news feed del nostro profilo?

 

Ciò che vuole è dare il messaggio giusto alla persona giusta al momento giusto!

L’algoritmo è una formula, composta di oltre 100.000 variabili non conosciute.

    • Inventory

Ogni volta che apriamo la sezione notizie di Facebook, questo fa una inventario di tutti i post generati da pagine e profili che seguiamo (commenti, mi piace, condivisioni)

    • Segnals

Valutando tutti i dati a disposizione Facebook cerca di capire a cosa siamo interesssati (quando, dove, perchè)

    • Predictions

Facebook cerca di prevedere quali tra i post sono quelli che per noi sono interessanti

    • Score

Una volta determinato quante probabilità ci sono che noi interagiamo con un determinato post, Facebook gli attribuisce un puneggio di rilevanza. I post che noi vedremo nella sezione notizia sono ordinati secondo il punteggio di rilevanza.

 

Quali segnali prende in considerazione l’algoritmo di Facebook nel decidere cosa e dove mostrarcelo?

 

Chi ha pubblicato il post => se abbiamo interagito con un determinato post.

Non ci mostrerà post di coloro (pagine) con cui non interagiamo. Lo stesso vale per il formato (es. video)

Il tipo di interazioni => se un post riceve molte interazioni all’inizio avrà maggiore portata organica e quindi visibilità.

Per spingere le persone a non uscire dalla piattaforma, l’algoritmo tendenzialmente penalizza, chi pubblica contenuti che inviano a siti esterni (video di YouTube o link ad altri siti)

 

Come possiamo migliorare la visibilità dei nostri post?

    • Una community realmente interessata, affinchè i follower interagiscano
    • Contenuti interessanti, originali e strategici pensati per la nostra Buyer Persona.
    • Visual è il must => video nativi e Live
    • Trending topic (instanty marketing)
    • Engagement continuo che premia i post
    • No link, no selling, no autoreferenzialità

 

Non dimentichiamoci le operazioni speciali e l’interazione…

 

    • Influencer marketing e micro-influencer
    • Campagne dedicate o eventi come i social contest che possono portare maggiore portata grazie agli share
    • Interazione nei Gruppi

Come abbiamo visto dai trend grafici evidenziati, quando vi occupiamo della Pagina Aziendale il problema non sarà legato tanto al fatto che i post siano piaciuti o meno, ma che non siano proprio stati visti dalla maggioranza.

La visibilità organica è calata notevolmetne negli ultimi anni, alcuni accorgimenti possono aiutare a migliorarla, ma non si potranno avere grossi risultati in termini di incrementi fan ed engagement se non probabilmente con campagne sponsorizzate che prevedono investimenti rilevanti.

Strategia, piano editoriale e promozione pubblicitaria andranno quindi integrati e monitorati in modo sinergico in relazione agli obiettivi.antità?

Alla luce delle considerazioni esposte quale strategia utilizzare?

Pochi post di qualità che possano creare engagemnt o più post quantitativi che, come abbiao visto dalle analisi, mediamente non sono visibili a livello organico?

    • 365 post l’anno tutti uguali costano di più di un unico messaggio, ben studiato e di grande valore
    • meglio avere un minor numero di fan attivi che decine di migliaia disinteressati
    • i contenuti del piano editoriale stimolano l’utente o sono semplice espressione della propria autoreferenzialità? => Ricordiamoci che per questa tipologia di post (promozionali) il riscontro maggiore può avvenir dai post a pagamento

Vogliamo dare qualche numero? Per una PMI (non per un sito di news editoriale ovviamente) anche 2 o 3 post a settimana, che potrebbero essere sponsorizzati per dare loro visibilità. Vogliamo che qualcuno li veda, no?

Spesso purtroppo accade che aziende piccole aumentino risorse e budget impiegati per aumentare la produzione editoriale in termini quantitativi. E’ la scelta giusta? Non sarebbe meglio destinare quel budget a rendere visibili i post promozionali o nel produrre pochi contenuti qualitativi e stimolanti? La creatività che può produrre engagement ha un “costo” temporale e tecnologico. Non fermiamoci alle “Vanity Metrics”…

 

KPI e obiettivi

 

Fondamentale sarà monitorare i giusti KPI in relazione agli obiettivi.

Vogliamo aumentare la notorietà del Brand? Alimentare una community? Creare una canale di customer care? Acquisire nuovi clienti? Testare un nuovo prodotto?

Cosa pensate sia importante? Il numero di fan o follower? I commenti e le condivisioni? Non lasciamoci ingannare da Vanity metrics (ho raggiunto 25.000 fan in un mese) che non ci danno indicazioni sui passi successivi…

Non dimentichiamoci chi siamo: un’azienda che si pone con obiettivi e contenuti B2B potrà indirizzarsi a un pubblico di nicchia meno quantitativo rispetto a un’azienda mass market per esempio.

Contenuti e obiettivi dovranno essere lineari e coerenti per non confondere l’utente finale e l’ottimizzazione dei risultati. Scegliamo una strada seguiamola: quando saremo B2C parleremo la lingua del consumatore semplice e diretta (pochi tecnicismi e business), altrimenti confonderemo l’interocutore e lo allontaneremo…

Monitoraggio, analisi, studio, strategia, contenuti, promozione nel giusto Social Media Marketing MIX…

 

marketing not-marketing, not-marketing, marketing, non marketing

Marketing NOT-Marketing, la nuova edizione del libro di Patrizia Pastore

Marketing not-marketing
Marketing not-marketing

È uscita la nuova edizione di Marketing NOT-Marketing di Patrizia Pastore, edito da Giunti.
A un anno dall’uscita della prima edizione, il nuovo libro rivaluta e rafforza le idee e le nozioni alla base di una buona strategia di  NOT Marketing, alla luce soprattutto dei rapidi cambiamenti avvenuti nel frattempo online: l’aggiornamento di un’utile panoramica dei social network e social media più significativi.

Si è mantenuto uno stile chiaro e scorrevole come nella prima edizione, caratterizzato da collegamenti al quotidiano, cercando di rivolgersi sempre di più a un pubblico di non addetti ai lavori, tutti coloro che sono curiosi di scoprire il fantastico “mondo web” dalla storia (Arpanet) fino al futuristico web 4.0 (Ubiquity), e abbiano voglia di comprendere cosa ci può essere dietro al “MONDO SOCIAL” e dentro il “MONDO SOCIALE” con cui si vive quotidianamente.

Tipica dello stile è la presenza di molti casi studio che possono esemplificare i metodi di fare NOT-marketing utili a promuovere il proprio business on line e non solo.

Scorrendo le pagine del libro scoprirete che cos’ è il “marketing-not-marketing” e i suoi possibili sviluppi nel futuro del commercio sul web.

 

Ultima novità, ma non di secondaria importanza: rispetto all’ edizione precedente il prezzo di vendita è stato ridotto a 14.90.

Disponibile in formato cartaceo e nei diversi formati digitali, in tutte le librerie e on line.

Da non dimenticare  l’acquisto  “GREEN”, grazie alla certificazione  FSC®, che testimonia l’uso di prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera responsabile.

 

La (Ri)(E)voluzione del NOT Marketing

 

Nell’ epoca contemporanea dello sviluppo dei nuovi media, dei social network e della velocità dell’informazione, il concetto di marketing come lo abbiamo sempre inteso cambia volto per  adattarsi ai nuovi “clienti” e agli innovativi mezzi di trasmissione dei messaggi. Ecco che “not-marketing” diventa la parola d’ordine del tempo presente: negazione di un sistema statico di intendere i rapporti di scambio  e  base di partenza per un modo del tutto nuovo di fare mercato.

 

Già nel recente passato Gerd Gerken aveva ipotizzato la fine del Marketing tradizionale nel suo “Addio al Marketing”, preludendo l’attualità fatta da un Marketing innovativo dove protagonista è il ConsumAutore.

Il marketing not marketing è un’evoluzione del marketing tradizionale, integrato e rinnovato alla luce di una nuova concezione di “cliente” e “consumatore”. In un contesto economico-sociale di profondo dinamismo , caratterizzato dall’‘avvento delle nuove tecnologie, dai PC ai tablet agli smartphone, e con l’utilizzo sempre più capillare di Internet e dei social network, il consumatore è divenuto infatti un vero e proprio “ConsumAutore“, in grado di confrontarsi sempre più direttamente con le aziende produttrici e, quindi, di influenzarle.

 

Il not marketing intende creare una relazione interattiva ed emozionale con il non-cliente, cioè la persona, senza imporsi in modo aggressivo, ma cercando di soddisfare le sue scelte secondo quattro nuove leve, le 4 V del NOT-Marketing: Valore, Verità, Vicinanza, Valutazione.

Questo metodo nasce dall’ascolto dei bisogni del target attraverso il canale web, che utilizza come strumento di promozione. Si tratta di creare passaparola on line (rumors on line, viral marketing) e portare i consumatori stessi alla promozione dei prodotti/servizi (evangelism) attraverso i canali web.

 

NOT Marketing adotta una strategia di tipo pull, che va a sostituirsi alla modalità push di tipo seduttivo e impositivo, che vada a incontrare le vere esigenze del ConsumAutore, il Marketing per Essere e non per Avere, costruito in collaborazione co-creativa con il proprio Cliente Non-Cliente.

Le parole d’ordine del NOT-Marketing sono collaborazione, condivisione, comunicazione, co-creazione, che trovano la propria strada grazie a una serie di strumenti presenti in rete, che consentono quel passaparola on line di chi è  realmente interessato ai prodotti, ai servizi e alle persone.

 

Titolo: Marketing NOT Marketing
Autore: Patrizia Pastore
Pagine: 320
Editore: Giunti Editore
Prezzo: 14,90

Clicca qui per avere Marketing not-marketing 

 

social media, storia social media

Social Media: quali origini?

social media, storia social media
Preistoria social media

 

 

I social Media? Da dove partono? Dalla Preistoria? Se li identifichiamo nelle modalità di comunicazione e linguaggio è possibile. L’essere umano sviluppava il linguaggio oltre 100.000 anni fa. Era ’Homo Sapiens. Se, però, con Social Media, intendiamo lo strumento sociale di condivisione possiamo andare un po’ oltre. Si parte dal servizio postale dell’antichità (550 a.C.), per passare al telegrafo (1792), al telefono (1871), alla radio (1891) per arrivare all’email (1971) e all’ IRC o Instant Relay Chat (1988).

Gli anni ‘90 sono quelli dei “moderni” social media come Napster eBlogger (1999), mentre gli anni 2000, vedono protagonisti Community e Social Network che realizzano l’ubiquità dei social media.

Oggi molteplici piattaforme del mondo virtuale, come per esempio, Wikipedia, Myspace, Delicious, LinkedIn, Facebook, YouTube, Twitter, Pinterest, Instagram ,Tumblr, FriendFeed sono in grado di fornire importanti servizi alle comunità e incontrare il bisogno di socialità e interazione che appartiene all’essere umano fin dalle origini, come evidenzia la spiritosa vignetta “preistorica” di cui sopra 🙂

La storia ci mostra quindi come non esista a un tempo definito per quegli aspetti connessi alla natura umana, che trascendono l’evoluzione tecnologica delle società.
Si tratta di comunicazione, socialità, collaborazione, condivisione, aspetti caratteristici delle molteplici forme di aggregazione in comunità che gli esseri umani hanno sempre messo in atto per sentirsi appartenenti a un gruppo di riferimento (tribù, religione, famiglia) superando quel senso di solitudine legato alla consapevolezza (coscienza del sé) che distingue l’uomo dagli altri esseri viventi.
 
Alle comunità reali si sono affiancate le community virtuali del mondo “internettiano”, mostrandoci come in realtà l’essenza della natura di ciascun essere non cambia, ma si evolve in tecnologia e modalità applicative nuove.
Contenuti e Privacy

Contenuti su Facebook

contenuti

I contenuti pubblicati su Facebook (o su altri social network) a chi appartengono?

 Facebook e i nostri contenuti (es foto, video)

L’utente è il proprietario di tutti i contenuti e le informazioni pubblicate su Facebook e può controllare in che modo possono essere condivise mediante le impostazioni sulla privacy e le impostazioni delle applicazioni. Inoltre:

  1. Per quanto riguarda i contenuti coperti da diritti di proprietà, ad esempio foto e video (“Contenuti IP”), l’utente concede a Facebook le seguenti autorizzazioni, soggette alle impostazioni sulla privacy e alle impostazioni delle applicazioni: l’utente concede a Facebook una licenza non esclusiva, trasferibile, che può essere concessa come sottolicenza, libera da royalty e valida in tutto il mondo, per l’utilizzo di qualsiasi Contenuto IP pubblicato su Facebook o in connessione con Facebook (“Licenza IP”). La Licenza IP termina nel momento in cui l’utente elimina il suo account o i Contenuti IP presenti sul suo account, a meno che tali contenuti non siano stati condivisi con terzi e che questi non li abbiano eliminati”

Facebook può fare quindi ciò che vuole con i contenuti da noi caricati, fino a quando noi non  decidiamo di eliminarli
Quando carichi un contenuto su Facebook, come per esempio foto e video, lo concedi in licenza al gestore del servizio (Facebook).

Ecco qua al seguente link potete trovare i termini e condizioni (sopra al punto 2.1)

Noi e il caricamento di contenuti altrui su Facebook (es. foto, video)

Per ogni foto caricata dovremmo avere l’autorizzazione alla pubblicazione da chi compare nella foto (diritto all’immagine). Questa autorizzazione ovviamente non viene quasi mai richiesta, soprattutto se si tratta di amici. Se l’immagine si riferisce a soggetti in situazioni ridicole, imbarazzanti, sconvenienti o in ambiti che potrebbero comunque ledere la sfera legata al decoro e all’onore potrebbe costare anche una denuncia. Attenzione quando pubblichiamo contenuti!