Digital Marketing Funnel e Lead Nurturing, strumenti di NON Marketing

Come è possibile attrarre nuovi clienti sul nostro sito web?

L’uso del Digital Marketing Funnel può offrire un grande supporto.

Il Marketing Funnel è un sistema utile ad attirare potenziali clienti target per convertirli in clienti paganti che incrementino il fatturato.

Digital Marketing Funnel

Digital Marketing Funnel – Source: sarahmortoncopywriter.com.au – goog.gl/H13J4E

Quali sono gli step del MARKETING FUNNEL?

Idealmente è possibile suddividerlo in tre macroaree:

 

1. Fase TOP

Si tratta dell’esposizione della parte più ampia dell’imbuto, quella della conoscenza del brand, l’Esposizione.  Tutte le versioni del marketing funnel hanno come imbocco dell’imbuto (la parte più ampia) la fase della creazione della cosiddetta “awareness” ovvero la conoscenza.

L’obiettivo delle azioni di marketing una volta che il visitatore è nell’home page consiste nel saper trattenere il più possibile il visitatore sul nostro sito, invogliandolo a tornare (RETENTION) a farci visita.

La parte superiore dell’imbuto di marketing digitale rappresenta la prima interazione che ha il nostro cliente con il prodotto o servizio.

Tra le strategie possibili ecco i “suggeriti” che portino alla SCOPERTA e CONSIDERAZIONE da parte dell’utente al quale chiarire qualunque dubbio o richiesta attraverso diversi strumenti come chat live, assistenza o informazioni aggiuntive.

Ma quali sono i canali con cui le persone arrivano al nostro sito?

 

  • Ricerca organica
  • Campagna ppc
  • Social media
  • Contenuti
  • Email
  • Blog, Forum
  • Referral Links
  • Stampa
  • Video
  • PPC
  • Social Adv

Una volta scoperto il MEDIUM, va capito come questo canale contribuisce alla CONVERSIONE.

 

2.Fase Intermedia

La parte nel mezzo della canalizzazione è volta alla conversione, l’azione che si desidera l’utente compia una volta giunto sulle sue pagine del nostro sito (una richiesta informazioni, l’iscrizione ad un servizio o un acquisto, una prima vendita o una secondo acquisto).

Fondamentale per la nostra analisi è che la conversione lasci una traccia di dati misurabili.

L’obiettivo è volto ai lead e alla lead generation.

Lead Nurturing

Lead Nurturing

Se il LEAD rappresenta un potenziale cliente che mostra attenzione, a vari livelli, nei confronti di un nostro prodotto o servizio, la LEAD GENERATION consisterà in una serie di azioni che vadano a stimolare l’interesse del cliente nei confronti di un prodotto o servizio, allo scopo di agire sul processo di vendita.

Diventa molto importante l’attività di LEADS NURTURING (coltivare e alimentare) i propri contatti affinché siano pronti all’acquisto, un processo che parte nel momento in cui l’impresa dispone del lead (contatto utente).

Cosa vuol dire fare leads nurturing?

•Inviare una email di aggiornamento prodotti
•Inviare email di offerte e servizi
•Mettere in atto campagne complesse e personalizzate di direct marketing

 

Al centro del Funnel di conversione, dopo la fase di visibilità e prima dell’attività di CRM si innesta la cosiddetta MARKETING AUTOMATION, uno strumento di Marketing, caratterizzato da dinamiche che l’allineano molto alle Vendite.

La fase di lead nurturing del marketing funnel è molto importante. I lead possono diventare clienti, attraverso l’invio a scadenze prestabilite di contenuti di valore.

Come portare all’azione di acquisto?

  • copywriting persuasivo;
  • call to action;
  • la progettazione di landing page efficaci

 

3.Fase Finale

Si tratta del punto nel quale il visitatore compie l’acquisto oppure abbandona il sito del nostro funnel di attivazione acquirenti.
E dopo l’acquisto non dimentichiamoci delle operazioni di up-selling e cross-selling. Perché non proporre al tuo cliente prodotti di categoria superiore oppure complementari a quelli già acquistati ?
Fondamentale alla fidelizzazione il giusto equilibrio nelle azioni da realizzare; se il miglior cliente è quello che si ha già una relazione duratura (CUSTOMER RELATIONSHIP) si otterrà grazie alla generazione di valore generata lungo il canale.

 

Una continua analisi degli analytics, non potrà dimenticare la semplificazione dell’uso lato utente:

  • caricamento lento;
  • troppi campi da compilare;
  • usabilità del sito;
  • semplicità e solidità del processo di acquisto (carrello, check out);
  • sistema di pagamento facile, veloce e intuitivi lato utente;

Un piano di marketing digitale potrà essere ottimizzato attraverso l’uso di un software di marketing automation, che combini strategie di marketing NOT Marketing,  social media ed e-mail marketing, pubblicità online.

Dunque la strategia del futuro e’ coinvolgere il cliente senza nessuna forzatura, grazie anche all’uso dei nuovi software di marketing automation, sistemi intelligenti che apprendono dal web e dall’interazione con l’utente informazioni base per poter proporre prodotti e servizi, confezionando ed evolvendo il sistema di marketing statico/dinamico (dal sito alla proposta di prodotti servizi), trovando la strada per trasformare ogni proposta in una sottoscrizione (subscrption marketing), di per sè una fidelizzazione automatica!

 

 

 

 

 

 

The following two tabs change content below.
Mi chiamo Patrizia Pastore. Mi occupo di tecnologia, web, digital transformation, comunicazione. Sono consulente e formatrice nelle aree del Digital Marketing, autrice del saggio Marketing NOT Marketing.

Rimani Aggiornato



Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>